Cosa desidero? …RELAX!
17 novembre 2017 By Me

[Questo post è in collaborazione con Donnerberg ]

Nel precedente post vi ho raccontato dell’arrivo del secondo figlio, nei prossimi vi racconterò delle sue conseguenze fra cui: vendere casa piccola, comprare casa più grande, architetti, compromessi, rogiti, etc etc,… insomma, posso confermare che da quando mi sono sposata i momenti di relax sono stati davvero pochi e per i prossimi anni saranno solo un sogno lontano ma tutto sommato sono tutti “problemi positivi”, così li definirebbe la mia mamma.

Scrivo questo post in collaborazione con Donnerberg che mi ha regalato una coccola appena rientrata a casa dopo la nascita del mio secondo figlio, mai regalo a dire poco perfetto: un massaggiatore!

Ho ringraziato entusiasta ma ero un po’ scettica perché pensavo che mai avrei trovato il tempo per usarlo, tante volte è più la noia di “apparecchiare” per un po’ di relax del beneficio che effettivamente se ne trae. Ho dovuto ricredermi.

 71mrgcJMHAL._SL1000_

Il massaggiatore Donnerberg è molto comodo da usare e lo conservo a un lato del divano così da poter fruire a ciascuno dei pochi momenti di pausa di un gradevole massaggio cervicale…non serve far nulla se non appoggiarlo dove voglio come se fosse una sciarpa, et voilà…effetto spa immediato!

Ho aspettato un po’ per parlarvene perchè volevo capire bene se oltre agli effetti di mero relax, fossero degni di nota anche quelli terapeutici. Ho usato mio marito come cavia in quanto soffre di annosi problemi di cervicale. Devo confermare che per il fatto che il massaggiatore riesce a simulare delle mani calde (è possibile anche fruire di un massaggio riscaldato) non solo mio marito non mi “tortura” più con continue e insistenti richieste di massaggini, ma ne è diventato dipendente e la sera si scioglie e rilassa con soli pochi minuti in compagnia del massaggiatore.

Un unico aspetto meno positivo è la necessità di avere la costante alimentazione elettrica durante l’utilizzo; probabilmente essendo il massaggiatore molto potente e con la possibilità di riscaldarsi, non si riesce a gestire la modalità wireless per tutta la durata del trattamento consigliato (15 minuti). In realtà la Donnerberg è venuta incontro anche a questa esigenza, ovvero inserendo in dotazione la presa per l’utilizzo in auto, quindi, a pensarci bene…perchè mai dovrei andare in giro per casa, magari a fare servizi,  con un massaggiatore? Non serve per rilassarsi!?…quindi in fin dei conti neanche questo aspetto è poi così negativo! :-)

 

Gallery
Write your comment here ...

Lascia una risposta